Avvocato Attilio Pinna - Sassari Sardegna | “Cella n° 21”, Bainzu Piliu racconta la sua lotta
Venerdì 18 a Sassari presentazione dell’autobiografia del professore leader dell’indipendentismo
519
post-template-default,single,single-post,postid-519,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

“Cella n° 21”, Bainzu Piliu racconta la sua lotta

FONTE: LA NUOVA SARDEGNA

SASSARI. Venerdì 18 dalle 19 presentazione del libro “Cella n°21” di Bainzu Piliu nei locali dell’Associazione Culturale La Voce in Musica in Viale Porto Torres 60/C . Piliu, professore universitario originario di Ozieri, ideologo dell’indipendentismo sardo, fu condannato per complotto separatista a quattro anni di reclusione che scontò nelle carceri di Cagliari e Sassari sempre in una cella numero 21. Il libro autobiografico ripercorre la vita, l’impegno politico e la vicenda giudiziaria del professore Piliu esponente negli anni ’70 della frangia indipendentista del Partito Sardo d’Azione e poi, dal 1976, fondatore del Fronte per l’Indipendenza della Sardegna.

Piliu, in un periodo storico particolarmente difficile per il Paese, promosse una serie di iniziative politiche e culturali tese al rafforzamento dell’identità culturale del popolo sardo: istituì a Sassari nel 1976 la prima scuola di lingua sarda, come docente di chimica all’università, sollecitò gli studenti a sostenere gli esami in sardo e nel 1981 fece presentare due tesi di laurea in lingua sarda. In quegli anni il solo parlare in sardo veniva considerato una vergogna, e tanti sardi manifestavano un senso di inferiorità nei confronti del resto dell’Italia.

Divenne un simbolo ma attirò anche l’attenzione delle forze dell’ordine: nel 1982 fu arrestato con l’accusa di aver preso parte ad attentati e cospirazioni. Partendo dal racconto della sua vita e dal valore simbolico di quel “21”, nell’incontro si parlerà della storia e del ruolo attuale dei movimenti indipendentisti, tra errori e conquiste, e se e quanto il concetto di indipendenza è presente nelle menti e nei cuori dei sardi. Tra i moderatori sarà presente anche il sindaco di Sassari Nicola Sanna. L’incontro verrà introdotto da Roberto Vannini del Forum Nazionale Giustizia del Partito Democratico. Con l’autore interverranno l’assessore alla cultura Monica Spanedda. Giuseppe Doneddu, docente di Storia Economica dell’università di Sassari. Michele Pinna direttore scientifico dell’istituto di studi e ricerche “Camillo Bellieni”. Piergiorgio Pinna (giornalista de La Nuova Sardegna) e Attilio Pinna del foro di Sassari.
Parteciperà il Coro Su Cuncordu Banaresu, altri interventi musicali saranno curati dall’associazione musicale “La Voce in Musica”.