Avvocato Attilio Pinna - Sassari Sardegna | Il Comune aderisce all’appello di Amnesty per Giulio Regeni
SASSARI. Sassari chiede “Verità per Giulio Regeni”. Il Comune ha raccolto l'appello lanciato da Amnesty International perché non cali il silenzio sulla morte del giovane ricercatore italiano ucciso...
510
post-template-default,single,single-post,postid-510,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive

Il Comune aderisce all’appello di Amnesty per Giulio Regeni

FONTE: LA NUOVA SARDEGNA

SASSARI. Sassari chiede “Verità per Giulio Regeni”. Il Comune ha raccolto l’appello lanciato da Amnesty International perché non cali il silenzio sulla morte del giovane ricercatore italiano ucciso in Egitto. Sulla facciata di Palazzo Ducale è stato esposto ieri uno striscione giallo con la scritta “Verità per Giulio Regeni”, donato dal gruppo Amnesty International di Sassari.

«Ringraziamo il Comune di Sassari che ha aderito, insieme ad altri numerosi comuni Italiani, alla campagna lanciata da Amnesty International per chiedere che si faccia chiarezza sull’omicidio di Giulio Regeni – ha detto Attilio Pinna, responsabile di Amnesty International Sassari – dobbiamo mantenere alta l’attenzione affinché la morte del giovane ricercatore italiano non resti impunita». L’iniziativa, lanciata da Amnesty International Italia in collaborazione con il quotidiano la Repubblica, propone agli enti locali, ai principali comuni italiani, alle università e ai centri di cultura di esporre lo striscione nei luoghi pubblici: un simbolo per chiedere a tutti l’impegno per avere la verità sulla morte di Giulio Regeni. La campagna ha già raccolto tantissime adesioni tra comuni, regioni, scuole, università e cittadini. A Sassari, oltre al Comune, hanno aderito all’iniziativa la sezione cittadina dell’Adi – Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani, e il Forum Studentesco.